De Kerckhove: “La guerra fa paura e i media lo sfruttano al massimo”

De Kerckhove: “I social network non hanno aiutato la coesione sociale”

Il sociologo: “Elon Musk e Twitter? Uno strumento così potente non dovrebbe mai essere esclusivamente in mani private”

Algoritmi, social network, intelligenza artificiale, nuove forme di comunicazione: tutti elementi di una trasformazione digitale inevitabile che sta determinando profondi cambiamenti nella società. Le nuove tecnologie regolano già oggi tanti aspetti della nostra vita. La trasformazione è in atto da decenni ma forse non siamo mai stati realmente in grado di governarla; il rischio è quello di esserne sopraffatti. Ne abbiamo parlato con Derrick De Kerckhove, sociologo, giornalista e accademico.

In che modo le nuove tecnologie possono essere un punto di forza per le democrazie o, al contrario, come possono metterle in pericolo?

Le nuove tecnologie non sostengono realmente la democrazia. Questo ideale appartiene all’epoca dominata dall’alfabetizzazione. La democrazia è stata inventata dagli antichi greci dopo che per 300 anni l’alfabeto li aveva educati a un relativo e parziale egualitarismo sociale. È un effetto diretto del principio alfabetico di rappresentazione (dei suoni attraverso le lettere), che è anche quello del linguaggio e delle parole. L’alfabetizzazione ha introdotto nella società la filosofia e l’indagine scientifica, nonché il pensiero politico (si veda la Repubblica di Platone – “res publica”). I greci inventarono il voto (ostrakon), cioè la rappresentanza della persona che ha scelto. Tutto ciò si basa sulla scrittura che rappresenta un significato. Gli algoritmi non rappresentano nulla, si limitano a istruire i processi senza mai “sapere” nulla di essi. Raccolgono, combinano e gestiscono i dati a cui sono applicati secondo istruzioni contenute in semplici operazioni logiche che non scelgono. La democrazia dipende dalla concertazione, dalla deliberazione e dalla scelta umana. Tutte queste operazioni richiedono linguaggio e comprensione. Quindi, algoritmi e democrazia non sono molto compatibili. È sempre possibile simulare – e persino aiutare – i processi democratici con gli algoritmi, ma non è nella loro natura supportarli. Finora gli algoritmi hanno avuto un effetto politico molto negativo, sostenendo le ‘echo chambers’, la polarizzazione e la distribuzione di fake news.

I social network hanno favorito il dibattito pubblico o hanno evidenziato un deterioramento che era già in atto?

All’inizio i social network sono stati salutati come forieri di un’era di libertà e apertura di parola e di una maggiore fratellanza globale, cosa che è avvenuta in modo lieve (ricordate “Free hugs” e Gangnam Style?), ma hanno anche permesso a persone completamente disinformate o fuorviate di comporre, pubblicare e promuovere molte sciocchezze, per non parlare delle fake news deliberate per divertimento o per profitto. Di certo non hanno aiutato il discorso pubblico, anzi lo hanno quasi distrutto e con esso la coesione sociale. Si dice che il marcio fosse già nel frutto, ma io non la penso così. Al contrario, nonostante la solita percentuale di illeciti globali, frodi, malversazioni e abusi, la tendenza generale alla comprensione globale, alla costruzione di un modesto accordo sul cambiamento climatico, sembrava indicare una condizione di miglioramento per tutti. Gli effetti dei social network hanno iniziato a maturare solo intorno al 2010, portando alla Primavera araba, dapprima foriera di speranze che si sono rapidamente inasprite in terrorismo e, in cinque rapidi anni, ci hanno portato a Cambridge Analytica, alla Brexit, a Donald Trump e a una serie di pericolosi pagliacci come lui e volgari tiranni in tutto il pianeta.

Chi decide cosa si può o non si può dire sui social network?

Nessuno, a meno che ciò che viene postato non violi la legge, ma la legge non è ancora pronta ad affrontare questo problema. E il problema è che l’istruzione non è sufficientemente solida per formare le nuove generazioni a resistere meglio alla tentazione di retwittare messaggi virali. I social network sono poco o per nulla regolamentati. E sembra che Twitter sia in procinto di sfuggire del tutto alla regolamentazione.

Cosa ne pensa dell’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk? Come può cambiare il panorama?

Musk è una mente molto astuta e potrebbe dover imparare a gestire Twitter senza rompere le cose. È difficile dire cosa farà, ma una cosa è certa: uno strumento di gestione sociale così potente non dovrebbe mai essere esclusivamente in mani private. Per il bene della sfera pubblica, i governi dovrebbero avere ovunque un ruolo di supervisione. Ma nonostante l’UE stia facendo del suo meglio, è ancora molto difficile mettere sotto controllo i giganti dei social media. L’altro problema è che i media sono transnazionali, ma la regolamentazione protegge solo i territori nazionali.

Si discute molto del modo in cui i media raccontano la guerra e, prima ancora, di come hanno gestito la pandemia. Come giudica la narrazione di questi eventi drammatici?

È estremamente confuso. Tutti hanno un’opinione e nessuno sa nulla di certo. I pareri pro e contro arrivano da ogni parte, a volte da fonti inaspettate. Si veda questa lettera aperta a Noam Chomsky (https://www.e-flux.com/notes/470005/open-letter-to-noam-chomsky-and-other-like-minded-intellectuals-on-the-russia-ukraine-war). La polarizzazione colpisce duramente la società civile. Le fake news abbondano da ogni parte della guerra, le accuse, la propaganda, il dito puntato, le dichiarazioni grandi e piccole. Tutti sembrano avere un’opinione e l’urgenza di condividerla. È così caotico che quasi si preferirebbe non sentirne più parlare. Sia la guerra che la pandemia generano paura, e quindi hanno un grande potere di localizzazione, che i media, legittimi o meno, stanno sfruttando al massimo.

La guerra non è solo quella fatta da bombe e carri armati, c’è anche una guerra silenziosa, “sottotraccia”. Il conflitto tra Russia e Ucraina minaccia la cybersecurity?

La cybersecurity è già in pericolo senza la guerra, come è stato ampiamente dimostrato dal dirottamento dei sistemi di comunicazione di intere industrie, come Colonial Pipeline o Travelex, per costringerle a pagare un riscatto. Il conflitto tra Russia e Ucraina non è il peggiore, almeno non ancora. In materia di guerra informatica, nonostante si siano costruiti una reputazione per l’industrializzazione di fake news e ransomware, i russi, e i militari in particolare, sembrano poco attrezzati per affrontarla o gestirla. Sarei più preoccupato per i cinesi, che hanno sviluppato una vera e propria competenza nell’IA e in tutte le tecnologie digitali.

Ogni ambito della nostra vita sta gradualmente assumendo una forma algoritmica e molte persone non ne sono nemmeno consapevoli. Quali sono i rischi e quali le opportunità offerte dagli algoritmi? Saremo in grado, prima o poi, di dominarli?

Sì, si tratta di quella che viene chiamata “trasformazione digitale”, cioè non un semplice strumento di potenziamento del business e dell’amministrazione, ma, come l’alfabetizzazione è stata per l’Occidente, un cambiamento profondo del terreno che tocca tutti in profondità e psicologicamente oltre che socialmente. E riguarda il mondo intero, non solo un paio di continenti. Dubito che riusciremo mai a “dominarla” prima che sia lei a dominare noi. Non abbiamo mai “padroneggiato” l’alfabeto, ma ci ha padroneggiato completamente e c’è voluto Marshall McLuhan per scoprirlo, e ancora oggi le persone non hanno idea di come abbia influenzato le loro vite. Ora ci troviamo di fronte a una crisi epistemologica crescente tra il modo in cui le nostre operazioni mentali, come la memoria, il giudizio e la logica, dipendono dal significato e il modo in cui gli algoritmi, i Big Data e gli Analytics stanno bypassando ogni significato e ogni comprensione. L’opposto del controllo è avvenuto perché la maggior parte delle persone è stata colta alla sprovvista, accettando di dare il consenso all’uso dei propri dati in cambio di servizi che sono fin troppo felici di ottenere. Ora è troppo tardi per fare qualcosa. La realtà di questa tendenza non è solo che le persone si arrendono troppo facilmente o che le aziende e i governi sono troppo ansiosi di trarne profitto, ma che l’intera trasformazione digitale sta rotolando per stabilire i propri scenari, ignorando i valori e gli interessi della cultura prima di sé stessa.

Nel 2018, nella città giapponese di Tama, un politico ha candidato un robot a sindaco. Pensa che in futuro l’IA potrebbe avere una posizione di rilievo nel processo decisionale politico?

Assolutamente sì. Per molti versi, lo ha già fatto. Forse non si tratta di un robot, ma di sistemi di supporto alle decisioni guidati dall’IA che stanno iniziando a gestire ospedali, sistemi finanziari e tribunali. Si potrebbe pensare che l’idea di candidarsi sia un modo satirico per sottolineare una situazione esistente, proprio come Caligola mise un cavallo sul trono imperiale dell’Impero Romano! Ma no, la proposta è seria, come testimonia la seguente dichiarazione: “Come sindaco robot, Michihito Matsuda sostiene che offrirebbe “opportunità giuste ed equilibrate” per tutti. Utilizzando le statistiche, l’IA analizzerebbe le idee e le petizioni presentate al consiglio comunale. Ma non si tratterebbe solo di numeri, il robot parlerebbe anche con i cittadini per capire cosa pensano di una certa proposta. Tenendo conto di tutte queste informazioni, il robot esaminerebbe gli effetti complessivi, positivi e negativi, sulla popolazione e prenderebbe una decisione”. (https://yellrobot.com/robot-mayor-tokyo/). E questa strana iniziativa è un “debole segnale del futuro”. I sistemi politici basati su ideologie, promesse e partiti sono praticamente finiti. Ho fatto notare anni fa che, anche se le decisioni legali, mediche e finanziarie non sono ancora prese ma solo proposte da sistemi di consulenza AI, le piccole decisioni per le infrazioni al codice della strada, le prescrizioni per i disturbi minori o gli investimenti automatizzati sono già prese dagli algoritmi. Ne seguiranno sicuramente di più grandi, solo per risparmiare tempo e fatica umana. 

Dove ci porta la trasformazione digitale? La nostra connessione “always on” alla rete attraverso gli smartphone dovrebbe essere in qualche modo limitata, governata, monitorata, soprattutto nei più giovani? Cosa pensa del “diritto alla disconnessione”?

La trasformazione digitale ci sta portando in un luogo che non piace agli occidentali ma che la società orientale tollera abbastanza comodamente. Gli occidentali hanno ancora i postumi di due millenni di “autodeterminazione” e individualismo (inculcati dalla lettura e dalla scrittura, cioè dall’apprendimento del controllo del linguaggio per uso privato), mentre gli orientali si sono abituati a dare priorità agli interessi della comunità rispetto a quelli privati negli ultimi quattro millenni. Quindi per loro i “crediti sociali”, che implicano che tutti siano sorvegliati, seguiti, monitorati, giudicati e puniti o compensati di conseguenza, vanno benissimo. Assicurano pace, armonia e ordine sociale. Provate a vendere questo a Elon Musk o, ancora di più, a Mark Zuckerberg, anche se ha fatto esattamente la stessa cosa con Cambridge Analytica. 

Insieme ad altri illustri sociologi, lei è firmatario del “Manifesto per la cittadinanza digitale”, in cui si parla di info-viduo, l’insieme inscindibile di persona fisica e digitale, un essere connettivo, aperto e mutante. Cosa ha guadagnato e cosa ha perso questo nuovo individuo rispetto all’individuo tradizionale, abitante del mondo prima di Internet?

Ciò che si è perso è spiegato sopra in molti modi diversi, ma, per essere precisi, si tratta di autodeterminazione, privacy, autonomia e presto anche responsabilità. Ciò che si è guadagnato è l’accesso a tutta l’intelligenza e la memoria del mondo, strumenti fenomenali per un uso creativo e distruttivo (qualsiasi youtuber ha accesso a una sofisticata stazione televisiva e a una rete gratuita! Qualsiasi creatore di fake news ha accesso alla pubblicazione e alla distribuzione istantanea). Essere un cittadino digitale significa innanzitutto essere all’altezza delle responsabilità di questi enormi poteri. Attualmente, siamo così lontani da ciò che l’intero mondo geopolitico è semplicemente sopraffatto, e la gente preferisce lasciare che i propri leader si assumano le responsabilità, portando alla catastrofe attuale. Ma alla fine la supereremo quando la maggioranza della popolazione mondiale sarà finalmente educata alla cittadinanza digitale.  

Transizione ecologica, transizione digitale: pensa che l’Italia possa fare di più per aumentare la formazione e la forza lavoro nei settori innovativi e creativi?

L’Italia può sempre fare meglio. È un Paese meraviglioso, con condizioni climatiche, geologiche e culturali che non si combinano così bene in nessuna parte del mondo. Questo rende gli italiani pigri. Sono un popolo molto tollerante che tende a dare le cose per scontate, comprese le mafie. Sono generalmente mal serviti dai loro governi e il loro sistema educativo, praticamente a tutti i livelli, è indietro di decenni. Ma il genio italiano, in tanti settori, soprattutto nell’arte, nella moda, nel design, nell’architettura e in altre innovazioni, sembra sempre superare le tendenze arretrate. Vediamo cosa riusciranno a fare per l’ambiente.

 

di Matteo Mercuri